La carta da parati ora è in tnt

02 Ottobre 2015 - 12.33.48

Carta da parati in nontessuto con disegno di bambùIl tessuto non tessuto, tra le sue molteplici applicazioni edili, ha anche quella di essere perfetto come materiale per la carta da parati.

A livello di arredamento, l'utilizzo della carta da parati ha vissuto diversi alti e bassi sin da quando, nel medioevo, iniziarono a importare i primi rotoli dalla Cina. Un tempo ovviamente il sistema non era industrializzato e quindi veniva usata come una specie di tela: prima si applicava sui muri e poi la si impreziosiva con disegni unici.

Dai rotoli cinesi alle case dei nobili ricchi il passo è stato abbastanza breve, così come altrettanto rapida è stata la sua discesa. Verso la metà del secolo scorso la carta da parati era la maniera più semplice con cui le persone coprivano brutti muri, evitando così di pitturarli periodicamente.

Ultimamente la carta da parati ha ripreso il suo ruolo di complemento d'arredo chic, e questo anche grazie a materiali come il tessuto non tessuto. Dicendo addio alla vecchia carta – difficile da attaccare e altrettanto fastidiosa da pulire – il tessuto non tessuto ha rilanciato la carta da parati come arredo giovane e moderno, adatto alle abitazioni più trendy.

 

Quali vantaggi ha la carta da parati in tessuto non tessuto?

In primo luogo è più facile da applicare rispetto a quella tradizionale e, grazie alle fibre tessili, lascia passare l'umidità e permette alle pareti di respirare, rimediando così ad uno dei peggiori difetti della carta da parati tradizionale. Inoltre è resistente all'usura e semplice da pulire, potendo essere lavata senza problemi.

Rispetto alla tradizionale pittura murale, invece, la scelta di applicare una carta da parati in tessuto non tessuto ha motivazioni principalmente estetiche. Applicare il tessuto non tessuto alle pareti consente adi ottenere un'uniformità di colore impossibile da avere grazie alla semplice pittura, senza parlare poi delle bellissime texture che possono decorare in maniera raffinata qualsiasi stanza.
C'è poi la facilità nell'eliminare crepe e fessure: col suo potere coprente vi risparmierà ore di fastidioso lavoro con spatola e stucco, regalandovi l'effetto di una parete liscia e perfetta.

Un utilizzo molto comune della carta da parati in nontessuto è come finitura per le pareti in cartongesso.
Le pareti in cartongesso possono avere livelli di finitura diversi, da Q1 (il livello più grezzo, con pareti semplicemente stuccate) fino a Q4, che rappresenta la massima qualità: il livello Q4 corrisponde ad un pannello stuccato e rilavorato, su cui viene aggiunto un rivestimento in tessuto non tessuto anche di colore bianco opaco. In questo caso la parete risulta perfetta e l’effetto armatura del tessuto impedisce la formazione di fessure capillari.

Il tessuto non tessuto ha riportato in voga la carta da parati: per tutti coloro che vogliono dare un tocco di classe al loro negozio, ufficio, o abitazione, consigliamo di approfittarne per creare ambienti unici e ricchi di creatività.

 

di Gabriella Poggiali